cristini-illu1Euritmia. Quando la spiritualità apre uno spiraglio all’emozione

di Monica Cristini

“L’arte del movimento chiamata euritmia, che finora è stata alimentata solo da un piccolo gruppo, prende il suo punto di partenza dalla concezione di Goethe che tutta l’arte è manifestazione delle leggi nascoste della natura, le quali senza tale rivelazione resterebbero celate. A questo concetto può essere legato un altro pensiero di Goethe: ogni singolo organo umano esprime le leggi dell’intera forma umana. Ogni singolo membro umano è in un certo senso un essere umano in miniatura, proprio come – ragionando con Goethe – la foglia della pianta è una pianta in piccolo. Possiamo inoltre capovolgere questo concetto e vedere nell’essere umano un’espressione completa di ciò che avviene in uno dei suoi organi o membra. Parlando e cantando, nella laringe e in quegli organi a essa collegati, alcuni movimenti – o semplicemente intenzioni di movimento – sono eseguiti e si rivelano nei suoni e nelle transizioni tra di essi. Nella vita quotidiana questi movimenti restano inosservati. Attraverso l’euritmia, non tanto questi per se stessi, ma piuttosto le intenzioni di movimento sono trasformate nei movimenti dell’intero corpo. Ciò che impercettibilmente ha luogo nelle forme del suono, del parlato e della musica in un sistema singolo di organi è reso visibile attraverso il movimento e la postura dell’intero essere umano. I movimenti degli arti rivelano ciò che avviene nella laringe e nei suoi organi adiacenti nel parlare e cantare. Ciò che vive dell’animo umano nel suono della musica e della parola si mostra nel movimento del corpo nello spazio e nelle forme e movimenti di gruppi di uomini. Con quest’arte del movimento, l’euritmia, si crea quindi qualcosa, alla cui nascita hanno presieduto quegli stessi impulsi che agiscono nello sviluppo di tutte le forme d’arte. Tutto quel che è arbitraria espressione mimica o del viso è escluso, come tutte le simbolizzazioni dell’anima attraverso il movimento. L’espressione si ottiene attraverso coerenti leggi interne, come avviene in musica. Nella natura delle arti, il punto da cui la danza ha preso le sue mosse ma dal quale nel corso del tempo si è allontanata, è di nuovo ritrovato.
Per Rudolf Steiner l’euritmia non era danza. Per i più, oggi, essa continua a non esserlo; ma per quanto tempo ancora potrà mantenere il suo status di arte spirituale? La rigida interpretazione dei principi del suo fondatore hanno esiliato.” … [Leggi tutto…]